06/04/2016 - Indicazioni per l'Extempore 1

Di seguito trovate tutte le indicazioni per svolgere l'Extempore 1. Vi ricordiamo che Lunedì 11 e Martedì 12 Aprile lavoreremo in aula all'Extempore. Per Lunedì dovete impostare a matita la tavola in modo da poter ragionare in aula sul trattamento grafico. 

Martedì 12 Aprile al termine della lezione ritireremo l'Extempore per correggerla e valutarla. Non dovete finirla al 100%, l’importante è che sia tutta impostata correttamente dal punto di vista geometrico e prospettico e che siano trattate graficamente bene alcune parti delle diverse viste prospettiche e della planimetria.
Questo vuol dire che per l’11/04 dovete:
  1. disegnare la planimetria e le viste con cura e con attenzione piuttosto che lasciarle schizzate
  2. disegnare le viste in maniera prospetticamente corretta, prestando attenzione alla posizione dell’orizzonte ad altezza uomo e alla posizione delle fughe
  3. lasciare le costruzioni, l’orizzonte e i punti di fuga visibili 
Potete aiutarvi, in caso di necessità, con la riga e la squadra e potete usare le foto e la carta-schizzi per trovare gli elementi prospettici principali.
Una volta fatta revisionare dai docenti in aula, può essere arricchita con il trattamento grafico il quale, prima di essere steso sul cartoncino, deve essere provato sul taccuino tramite delle campiture. Anche queste devono essere fatte revisionare dai docenti per concordare quella più ottimale. Non decidiamo alcun trattamento grafico a voce, ma soltanto vedendo delle prove concrete sul taccuino.


L'Extempore 1 verte sulla rappresentazione dello spazio urbano relativo all'asse di via dei Fori Imperiali, tramite una planimetria e alcune viste prospettiche. Le viste prospettiche che dovete disegnare sono quelle relative all'area del vostro gruppo, mentre la planimetria è quella su cui avete svolto l'esercitazione consegnata ieri. La planimetria deve essere maggiormente dettagliata sull'asse di Via dei Fori Imperiali ed in particolare nell'area del gruppo a cui siete stati assegnati.

Cartoncino

Il cartoncino da usare per l'extempore è formato 50x70 cm, grammatura 300 gr/mq, semiruvido. Alcune marche, che hanno formati di qualche centimentro in più, vanno bene ugualmente. Il bordo ideale (squadratura) dal margine del foglio può variare dai 2 ai 3 cm.

Il cartoncino da usare deve essere uno dei seguenti:
  • Magnani Italia, per acquerello, 56x76 cm, 300 gr/mq
  • Canson Montval, per acquerello, 50x65 cm, 300 gr/mq
  • Schoeller, liscio, 51x73 cm, 300 gr/mq
  • Qualsiasi altra marca che rispecchi le caratteristiche descritte sopra
Vi segnaliamo alcuni punti vendita:
  • "Il Disegno", Testaccio
  • "Area Stampa", Testaccio
  • "Vertecchi", Via Santa Croce
  • "Poggi", Via del Gesù (Pantheon)
  • "Poggi", Piazza Mastai (Trastevere)
  • "Arte3", Via del Fiume (Via Ripetta)
Planimetria

La planimetria deve avere le seguenti informazioni:
  • gli assi principali / gli assi secondari
  • i nomi delle strade principali
  • le emergenze architettoniche con i relativi nomi
  • le aree archeologiche ben disegnate seguendo la Forma Urbis del Lanciani e aggiungendo i relativi nomi
  • le alberature/gli spazi verdi
  • le diverse coperture (copertura piana/copertura a falda)
  • i marciapiedi
  • le ombre, definite in maniera accurata e prestando attenzione alla campita
  • l'architettura ben disegnata e ben definita, e non approssimata
  • il nord
  • l'indicazione della scala di rappresentazione
La planimetria deve essere "lucidata" sulla base di quella che vi abbiamo fornito, tuttavia dovete:
  • correggere le parti inesatte perché quella non è aggiornata, aiutandovi con la foto aerea per capire lo stato attuale effettivo
  • completare il disegno delle architetture e delle aree non rappresentate in modo comprensibile; aiutatevi con la foto aerea per capire il funzionamento dei volumi, dei piani, delle quote
  • "lucidare" capendo cosa state disegnando 
  • "lucidare" gli elementi principali
  • disegnare le parti archeologiche con i setti murari e il ritmo delle colonne (aiutatevi con il righello). Tralasciare tutte le pavimentazioni e la Cloaca Maxima presenti nella Forma Urbis
  • disegnare gli emicicli dei Fori con il compasso o con il cerchiometro se non riuscite a controllare le curve
  • evitare le campiture piene nere 
  • disegnare con cura il Colosseo con le costruzioni visibili

Viste prospettiche

Le viste prospettiche devono riguardare i luoghi più significativi dell’area del gruppo a cui siete stati assegnati e devono essere coerenti con l’analisi urbana.  Almeno una prospettiva deve  raccontare  il contesto, mentre le altre possono essere delle viste più di dettaglio, come quelle  che avete eseguito durante il secondo sopralluogo. Le viste prospettiche devono essere costruite correttamente specificando l’orizzonte, i punti di fuga e le costruzioni geometriche e proporzionali.
In generale, sulle viste della tavola dovete:

  1. definire bene l’architettura (spessori dei muri, delle cornici, delle trabeazioni, delle specchiature, degli infissi, dei costoloni; aggetti delle coperture, dei timpani, delle trabeazioni; materia delle superfici opache;  piani delle superfici e piani di lettura)
  2. prestare attenzione alla costruzione prospettica e geometrica lasciando ben visibili tutte le costruzioni, l’orizzonte e i punti di fuga
  3. aiutarsi con la squadra e la matita per quanto riguarda tutte le linee  poco controllabili
  4. privilegiare l’aspetto architettonico piuttosto che quello grafico, il quale  non deve mai annullare o prendere il sopravvento sull’architettura
  5. allenarvi con il trattamento grafico sul taccuino prima di applicarlo sulla tavola, altrimenti rischiate di rovinare l’extempore
  6. costruire ogni cupola e ogni arco in prospettiva
  7. evitare le campiture piene a macchia e lasciare la trama dei segni ben visibile
  8. evitare i segni marcati e grossolani
  9. evitare le masse pesanti della vegetazione
Materiale da consultare

  • Sovrapposizione planimetria e Forma Urbis: il percorso Dropbox è il seguente: Disegno/esercitazione planimetria 22 marzo/Stampare
  • Google Maps o Bing Mappe
Esempi di Extempore 1 sull’analisi urbana dell’area dei Fori Imperiali: